Torna anche quest’anno Cibus: uno degli appuntamenti più attesi per l’agroalimentare italiano. Con un export che nel 2015 ha raggiunto i 37 miliardi di euro, l’industria alimentare è senza alcun dubbio un comparto che muove in positivo l’economia italiana. Un settore in grado di offrire al consumatore prodotti competitivi e garantiti in termini di sicurezza, gusto e qualità, rispondendo alle esigenze del mercato in continuo mutamento.

Proprio questi, educazione alimentare, evoluzione del mercato e alimentazione 3.0 tra i principali temi affrontati alla 18° edizione del Salone Internazionale dell’Alimentazione. Inoltre differenti percorsi tematici attraverseranno trasversalmente i padiglioni della manifestazione, dal free form al veg e bio. Come di consueto, infatti, l’evento presenta un programma ricco e degno di nota: convegni, dibattiti, e ovviamente cibo di qualità dal processo produttivo al prodotto finito.

La sfida per i prossimi anni è trasformare Cibus in vetrina per la promozione all’estero del food Made in Italy. I numeri fanno ben sperare: 3 mila espositori, 70mila visitatori attesi, di cui 15mila dall’estero e 2000 top buyer da ogni continente arriveranno a Parma tra il 9 e 12 Maggio.

Visita la sezione dedicata al Food Made in Italy