Siamo ormai nel pieno dell’estate e per un settore come quello delle vacanze è tempo dei primi bilanci con un dato che salta immediatamente all’occhio: secondo uno studio della Coldiretti, dei 38 milioni di italiani che vanno in vacanza, il 78% decide di restare in Italia. Una delle ragioni principali di questa decisione è la paura del terrorismo che, a quanto pare, condiziona la scelta della meta delle ferie soprattutto per gli over 35. A farne le spese sono principalmente paesi considerati a rischio di attacchi terroristici o con situazioni politiche che non danno sicurezza come ad esempio la Turchia, dove esattamente un anno fa è stato sventato il golpe contro il presidente Erdoğan che, una volta tornato al comando del paese, si è ulteriormente allontanato dall’Unione Europea. Ai minimi storici anche i paesi nordafricani come Egitto e Tunisia, per anni tra le mete preferite dagli italiani. L’altro lato della medaglia è che l’Italia, con tutto il patrimonio che ha da offrire, torna finalmente ad essere tra le mete preferite dagli italiani ma anche dai turisti stranieri. È infatti in aumento anche il dato di questi ultimi che, molto probabilmente, decidono di visitare il nostro paese oltre che per le bellezze naturali/artistiche ed il cibo anche perché considerano l’Italia un paese relativamente sicuro.

Per quanto riguarda le mete è ovviamente il mare a farla da padrone (69%), seguito da montagna (17%) e campagna (scelta dal 9% dei vacanzieri).

Buone notizie anche per il settore food visto che, sempre secondo la Coldiretti, un terzo dei soldi spesi dai turisti durante le proprie vacanze se ne va per il cibo. La spesa è equamente ripartita tra beni da consumare a tavola per chi affitta appartamenti ma anche per ristoranti, trattorie, pizzerie, agriturismi, ecc.

In crescita anche i dati relativi a street food e specialità enogastronomiche: le prime preferite dai giovani e dalle famiglie, le seconde dagli amanti del cibo di qualità che non disdegnano di gustare le molte prelibatezze prodotte sul territorio italiano durante le vacanze. A questo proposito è importante sottolineare come l’Italia sia leader mondiale assoluto per quanto riguarda il turismo enogastronomico grazie a 292 specialità Dop/Igp riconosciute a livello comunitario e a 415 vini Doc/Docg.